La faccio breve, un po’ perché odio queste cose che a volte sembrano autocelebrative e un po’ perché ammiro molto il dono della sintesi (leggerezza, rapidità, esattezza), che – come già Italo Calvino suggerì nel suo Lezioni americane, uscito postumo nel 1988 – oggi è, secondo me, un valore.

La passione per le infografiche, termine per me nuovo allora, la devo tutta ad un mio prof. universitario, Corrado De Francesco. Era uno dei pochi – si contavano sulle dita di una mano – a non essere un polveroso dinosauro parcheggiato, per chissà quale motivo, in un posto che dovrebbe fare del miglior insegnamento ai giovani la propria missione. Insomma, era uno avanti.
Sta di fatto che una mattina del 2003, o giù di lì, se ne esce con questa cosa che dobbiamo assolutamente vedere e che sarebbe poi UnderStAnding, o Understanding USA, di Richard Saul Wurman.

Understanding USA

Understanding USA, il progetto di R. S. Wurman, sia sito web che libro

Boom! Ai tempi non me ne resi conto ma oggi, a circa dieci anni di distanza, posso dire che quello è stato uno dei giorni che hanno cambiato la mia vita. Sono sempre stato affascinato dalla grafica e – in un certo altro modo – dalla matematica, o meglio, dai numeri. Beh, finalmente scoprivo che c’era una disciplina che coniugava le due cose. Tra l’altro, ma di questo me ne sono reso conto solo molto tempo dopo, si può anche trovare un fine alto, uno scopo utile a questa materia che oggi viene prevalentemente definita data visualization o data journalism: cercare di capire come funziona il mondo.

Da allora in qualche modo ho sempre avuto a che fare con le infografiche: per lavoro, per divertimento, senza che me ne rendessi conto o consapevolmente, saltuariamente o per periodi più lunghi. Mi si è conficcata una scheggia laggiù in fondo al cervello e ogni tanto, quando meno me lo aspetto, ritornano. Questo blog ne è una prova. Non so bene come mai mi sia saltato in mente di farlo (in questo post cerco di elencare i motivi). Ho come la sensazione che i tempi siano maturi e ho anche il presentimento che sia importante che il maggior numero di persone possibile sia in grado di destreggiarsi tra cifre, tabelle e grafici, e crearsi la propria opinione.

Non so dove mi condurrà questo viaggio. Spero solo di scrivere cose utili, interessanti per qualcuno. Quindi, iniziamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation